Onoranze funebri Brescia Carli Stefano

DetrazionI fiscali

DetrazionI FISCALI spese funebri 730 e unico 2020 per spese 2019

Cosa prevedono in materia di detrazioni fiscali per spese funebri la Legge di Bilancio 2020, approvata il 15 ottobre 2019 “salvo intese”, e il Decreto Fiscale 2020, in vigore dal 27 ottobre 2019?

Le spese funebri sostenute nel 2019 si possono detrarre nel modello 730 e nel modello Unico 2020 al 19% su un importo massimo, fissato dallo Stato, di 1.550 € a decesso. Questo significa, quindi, che non si può applicare la percentuale di detrazione al totale fattura. Se il totale fattura è di 2.500 €, per esempio, l’importo massimo su cui calcolare la detrazione è sempre 1.550 €. La detrazione massima totale, quindi, sarà di 294,50 € a decesso. Ai fini della detrazione non è necessario che fra l’intestatario della fattura e il defunto ci sia un legame di parentela. Si ricorda che per ottenere la detrazione fiscale occorre effettuare i pagamenti con sistemi tracciabili. Con “sistemi tracciabili” si intende: bonifici, assegni, bancomat (carte di debito) e carte di credito.

Quali sono le spese detraibili?

Le spese per le quali si può chiedere la detrazione sono le spese strettamente legate al decesso e all’esecuzione del funerale elencate all’interno della fattura delle Onoranze Funebri. Non si può richiedere l’esenzione, invece, per le spese sostenute dal contribuente in previsione di un funerale futuro e le spese inerenti i lavori cimiteriali.

E se il funerale fosse pagato da più persone?

Le detrazioni fiscali per spese funebri spettano all’intestatario della fattura. Tuttavia, se la spesa funebre viene divisa tra più soggetti, la detrazione del 19%, sempre calcolata su un massimo di 1.550 €, può essere divisa a sua volta. Se per esempio due soggetti ripartiscono il pagamento il pagamento al 50%, ognuno dei due avrà diritto al 50% della detrazione totale massima di 294,50 €. L’intestatario della fattura dovrà annotare anche su carta semplice la divisione della spesa con gli altri e apporre la propria firma sulla nota. Gli altri soggetti potranno richiedere la loro parte di detrazione presentando nota e fotocopia della fattura di riferimento.

Se avete altri dubbi cliccate qui per un ulteriore articolo sull’argomento oppure contattateci.

× Come possiamo aiutarvi?